Il DVR: tutto ciò che c'è da sapere sul Documento di Valutazione dei Rischi

Il DVR: tutto ciò che c'è da sapere sul Documento di Valutazione dei Rischi

Il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) è un documento che serve per identificare e valutare i rischi presenti in azienda. Contiene inoltre, le misure di prevenzione per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro. Le imprese con almeno un dipendente devono obbligatoriamente redigerlo, custodirlo ed esibirlo in caso di ispezione o richiesta di verifica. Il riferimento normativo per la prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro è il Testo unico sulla sicurezza sul lavoro D.Lgs. 81/2008, che stabilisce anche pesanti sanzioni per chi non rispetta quest’obbligo.

Vediamo nel dettaglio cos’è e come si redige il documento di valutazione dei rischi.

Qual è la sua funzione?

DVR è l’acronimo di Documento di Valutazione dei Rischi. Questo documento ha quindi come obiettivo quello di:

  • individuare tutti i pericoli presenti nei luoghi di lavoro;
  • analizzare tutti i rischi;
  • stabilire misure di gestione, riduzione e prevenzione dei rischi, così da salvaguardare la salute dei lavoratori e ridurre la probabilità che si verifichi un incidente o infortunio sui luoghi di lavoro.

DVR: chi deve redigerlo

Nel D. Lgs. 81/2008 (sezione I, art. 17, comma 1) troviamo come obbligo NON delegabile del Datore di Lavoro la valutazione di tutti i rischi con la conseguente elaborazione del DVR. Il DVR deve essere redatto dal Datore di Lavoro, in collaborazione con il Medico Competente e il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP), in tutte quelle aziende che hanno almeno un lavoratore (anche socio), in modo da garantire la tutela della salute dei lavoratori e ridurre la probabilità che si verifichi un incidente, un infortunio sul lavoro o che insorga una malattia professionale.

Quali devono essere i contenuti del DVR?

  • Descrizione dell’attività lavorativa;
  • Mansionario dei lavoratori;
  • Documentazione aziendale (impiantistica, di verifica impianti e attrezzature, antincendio, sanitaria...);
  • Organigramma della sicurezza: nominativo del Datore di Lavoro, del RSPP, del Medico Competente, del RLS, degli addetti alle emergenze (antincendio e primo soccorso);
  • Descrizione dei criteri adottati per la valutazione dei rischi;
  • Descrizione dei presidi antincendio;
  • Descrizione dei presidi per il primo soccorso;
  • Descrizione dei luoghi di lavoro e dei rischi derivanti dalle non conformità di questi ultimi;
  • Relazione sulla valutazione di tutti i rischi presenti in azienda e durante lo svolgimento dell’attività lavorativa;
  • Descrizione delle attrezzature utilizzate in azienda con relativa documentazione (es. libretto di uso e manutenzione);
  • Descrizione dei valori limite di esposizione per le valutazioni dei rischi condotte con metodi specifici (es. rumore, vibrazioni, campi elettromagnetici);
  • Periodicità degli interventi (es. manutenzione, formazione, sostituzione dei DPI, verifiche di impianti e attrezzature, ecc)
  • Periodicità e cause per le quali si rende necessario aggiornare la valutazione dei rischi;
  • Individuazione delle misure di prevenzione e protezione individuate e dei DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) che i lavoratori devono indossare per potersi proteggere dai rischi;
  • Individuazione dei rischi specifici per ogni mansione, con le rispettive misure di prevenzione e protezione, l’informazione, la formazione e l’addestramento necessari, i DPI che il Datore di Lavoro deve mettere a disposizione del lavoratore;
  • Descrizione dei rischi per i quali e necessaria la sorveglianza sanitaria;
  • Piano di miglioramento che descriva le azioni che l’azienda dovrebbe intraprendere per adeguarsi a ciò che viene richiesto dalla normativa vigente in materia di sicurezza.

Aggiungiamo un breve glossario per aiutarti a interpretare correttamente i punti appena menzionati.

DATORE DI LAVORO: il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l'assetto dell'organizzazione nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività, ha la responsabilità dell'organizzazione stessa o dell'unità produttiva in quanto esercita i poteri decisionali e di spesa.

RSPP: Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione.

RLS: Responsabile dei Lavoratori per la Sicurezza.

PERICOLO: proprietà o qualità intrinseca di un determinato fattore avente il potenziale di causare danni.

RISCHIO: probabilità di raggiungimento del livello potenziale di danno nelle condizioni di impiego o di esposizione ad un determinato fattore o agente oppure alla loro combinazione.

PREVENZIONE: il complesso delle disposizioni o misure necessarie anche secondo la particolarità del lavoro, l'esperienza e la tecnica, per evitare o diminuire i rischi professionali nel rispetto della salute della popolazione e dell'integrità dell'ambiente esterno.

INCIDENTE: qualsiasi evento che altera il normale andamento dell’attività lavorativa e determina danni materiali ad attrezzature e impianti.

INFORTUNIO: evento accorso per causa violenta in occasione di lavoro e da cui sia derivata la morte o l’inabilità permanente a lavoro, assoluta o parziale, ovvero un’inabilità temporanea assoluta che comporti l’astensione dal lavoro per più di 3 giorni (Art. 2, D.P.R. 1124/65).

MALATTIA PROFESSIONALE: sopraggiunge lentamente e progressivamente per sfociare in un effetto cronico che deve dipendere esclusivamente dall’esposizione lavorativa (rapporto causa-effetto).

Cosa comporta una mancata o incompleta redazione del DVR?

Sono previste delle sanzioni pesanti per il Datore di Lavoro che non redige tale documento o lo fa in maniera incompleta. È prevista infatti:

  • un' ammenda da un minimo di 3.000 € fino ad un massimo di 15.000 €, oltre a pene detentive fino a 8 mesi;
  •  sospensione dell’attività imprenditoriale in caso di reiterata mancanza di compilazione del DVR e mancata nomina dell’ RSPP;
  •  una modifica dei contratti subordinati aziendali: da tempo determinato, intermittente o somministrato a tempo indeterminato. 

BeSafe ti offre consulenza sulla sicurezza del lavoro: tra i nostri servizi c'è anche la stesura dei DVR. Effettuiamo la valutazione di tutti i rischi presenti in azienda (rumore, vibrazioni, CEM, ROA, incendio, stress, MMC, chimico, radon, amianto ecc..), con la collaborazione dei migliori specialisti di settore.


Email

Richiedi maggiori informazioni