la sicurezza nel cantiere con il superbonus 110%

La sicurezza in cantiere con il Superbonus 110%

Grazie al Superbonus 110% l’edilizia ha subito un’impennata di richieste per le attività di preventivazione ed interventi.

Il Superbonus 110% è una misura di incentivazione, introdotta dal decreto-legge “Rilancio” del 19 maggio 2020, che prevede la possibilità di effettuare lavori di riqualificazione energetica per tutti i cittadini.

Teatro degli interventi del bonus sarà il cantiere, che dovrà rispettare i requisiti di sicurezza, con relative responsabilità.

Qualora in cantiere venisse riscontrata l’inadempienza a disposizioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro, da parte dell’organo di vigilanza preposto, il committente perderà la possibilità di poter beneficiare del Superbonus.

 

Chi può usufruirne?

I beneficiari del bonus sono:

  • Persone fisiche (compresi familiari dei proprietari e conviventi, a patto di essere loro a sostenere le spese di riqualificazione)
  • Condomini
  • IACP
  • Cooperative di aggregazione
  • Enti senza scopo di lucro per l’utilità sociale
  • Associazioni sportive dilettantistiche
  • Le partite IVA, a patto che i lavori riguardino immobili di proprietà legati alla vita privata, oppure per quanto riguarda le parti comuni di un condominio, non ci sono limitazioni specifiche.

 

Quali sono i lavori che si possono fare?

Il bonus permette di ottenere una detrazione del 110%, uno sconto in fattura o la cessione del credito su interventi quali:

  • Installazione del cappotto termico (che copra almeno il 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio)
  • Coibentazione del tetto
  • Sostituzione degli impianti di condizionamento invernale con impianti più prestanti o pompe di calore.

Inoltre, è possibile far rientrare nell’ecobonus interventi di:

  • Sostituzione di serramenti ed infissi
  • Schermature solari
  • Installazione di caldaie a biomassa
  • Installazione di caldaie a condensazione di classe A
  • lavori di riqualificazione globale dell’edificio, che rispettino i requisiti specifici descritti sul sito ENEA.
  • Installazione di impianti fotovoltaici, inclusi gli accumulatori
  • Installazione di colonnine di ricarica per veicoli elettrici
  • Abbattimento di barriere architettoniche

 

C’è il rischio di perdere l’agevolazione fiscale?

Come riportato dal Decreto n. 41 del 18/02/98 le detrazioni, la cessione del credito e lo sconto in fattura non verranno riconosciute in caso di violazione delle norme in materia di salute e sicurezza nei cantieri, perciò risulta ancora più importante verificare il corretto adempimento delle disposizioni di legge, e affidarsi ad uno studio di consulenza e/ a professionisti con competenze in materia di sicurezza sul lavoro.

 

Quali sono le responsabilità del committente?

Il responsabile principale è il committente, cioè il cliente che richiede i lavori, che potrà nominare un “responsabile dei lavori”.

Molte assemblee condominiali chiedono agli amministratori di assumere l’incarico di responsabile dei lavori.

I compiti del committente (o del delegato) saranno:

  • effettuare la “notifica preliminare” del cantiere, la cui omissione provoca la decadenza dalla detrazione · trasmettere all’amministrazione concedente, la copia della notifica e del Durc delle imprese e dei lavoratori autonomi, assieme ad una dichiarazione che attesta l’avvenuta verifica dell’idoneità professionale.
  • richiedere alle imprese che lavoreranno in cantiere, una dichiarazione dell’organico medio-annuo ed una dichiarazione relativa al contratto collettivo applicato
  • nel caso di più imprese presenti in cantiere, provvedere alla nomina del coordinatore della sicurezza

 

Come può tutelarsi il committente?

Il committente avrà bisogno di un team di figure professionali competenti che si interfacceranno tra loro ed avranno la responsabilità delle procedure di notifica, della trasmissione delle pratiche agli organi di competenza (ENEA, Agenzia delle entrate, ecc), della verifica di idoneità tecnico-professionale delle imprese ed infine dovranno garantire che la gestione del flusso di lavoro segua i criteri stabiliti dai nuovi decreti.

La sicurezza in cantiere è fondamentale, poiché si tratta della salute e del benessere dei lavoratori.

Non rischiare di perdere il bonus, fatti accompagnare da BeSafe che può affiancarti in tutte le fasi!

 

 

 


Email

Richiedi maggiori informazioni