PNRR italiano destinati 10 milioni di euro per raggiungere la parità di genere in azienda

Il Governo ha destinato 10 milioni di euro per raggiungere la parità di genere in azienda

Il Governo italiano ha inviato all’Unione Europea il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR): su 191,5 miliardi sono stati destinati 10 milioni di euro alla creazione di un sistema che incentivi le aziende a ridurre il gap donne-uomini sul fronte della parità salariale, delle opportunità di carriera, della tutela della maternità. La partenza è fissata ad aprile 2022. 

 

Di cosa si tratta 

È un sistema nazionale di certificazione della parità di genere che accompagna e incentiva le imprese ad adottare policy adeguate a ridurre il gap di genere con l’obiettivo di intervenire su: 

  • opportunità di crescita aziendale; 
  •  parità salariale a parità di mansioni; 
  • gestione delle differenze di genere; 
  • tutela della maternità. 

 

Come sarà realizzata 

Ci sarà una fase sperimentale da aprile 2022 ad aprile 2026: la certificazione sarà agevolata per le imprese di micro, piccole e medie dimensioni e supportata da servizi di accompagnamento e assistenza.  

La certificazione prevedrà alcune fasi principali:  

  1. Linee guida: Definizione del sistema e del meccanismo premiante a partire dall’istituzione di un Tavolo di lavoro sulla “Certificazione di genere delle imprese”, presso il Dipartimento Pari Opportunità; 
  2. La piattaforma: Creazione di un sistema informativo presso il Dipartimento, con funzione di piattaforma di raccolta di dati disaggregati per genere e di informazioni sulla certificazione, e dell’albo degli enti accreditati; 
  3. La partenza: Attivazione del sistema di certificazione sulla parità di genere a partire dal secondo trimestre 2022. Il sistema di certificazione sarà aperto a tutte le imprese (grandi, medie, piccole e microimprese).

 

Vantaggi per le aziende  

La certificazione restituirà dati comparabili sul grado di gender equality delle aziende e questo permetterà non solo di riconoscere le realtà più virtuose, ma di provvedere eventualmente a specifiche forme di premialità di natura fiscale e in termini di qualificazione nell’accesso a bandi e fondi. 

Le imprese con un occhio attento al gender balance, infatti, hanno migliori credibilità, reputazione e performance. Secondo gli esperti la diversità di genere in azienda è essenziale, e diversi studi confermano che la parità di genere nelle posizioni di leadership promuove l’interesse di tutti 

 


Email

Richiedi maggiori informazioni